Il ministro visita il centro sportivo abbandonato che verrà trasformato in un’area con otto campi da tennis.

“Seguire il modello Caivano”. Lo ha detto a Taranto il ministro dello Sport, Andrea Abodi, visitando l’area abbandonata del centro sportivo Magna Grecia che per i Giochi del Mediterraneo (la ventesima edizione in programma a Taranto nell’estate del 2026) verrà ristrutturata per ospitare otto campi da tennis. “A Caivano (in provincia di Napoli, ndr) fu promesso dalla premier Meloni che il centro sportivo (finito nel degrado e teatro negli scorsi anni di abusi e violenze, ndr) entro la fine della primavera 2024 sarebbe ritornato in vita e voi l’avete visto – ha detto Abodi durante la visita al Magna Grecia – Una cosa meravigliosa. L’area di Taranto è forse più piccola, ma lo spirito è lo stesso: ridare vita ad un luogo che deve riprendere vita. Qui lucro cessante, danno emergente, ma ribaltiamo il paradigma: danno cessante, lucro emergente. Questo ritornerà ad essere, grazie ai Giochi del Mediterraneo e a chi ci lavora, un luogo di socialità, un luogo di umanità e anche di predisposizione sportiva”.

“Sono strafelice che si parta da così – ha detto il ministro riferendosi alle condizioni del Magna Grecia -, anche se avremmo voluto evitare di trovarlo in questo modo. Ma questo è anche il senso di organizzare grandi avvenimenti, altrimenti diventano solo quindici giorni di gare. Invece i Giochi del Mediterraneo saranno molto di più”. Rispetto a Caivano, ha puntualizzato Abodi, “c’è una differenza sostanziale. Lì c’era e oggettivamente c’è ancora un disagio sociale che qui non c’è. Qui siamo nel cuore della città. In un quartiere sufficientemente evoluto. Qui si tratta di ripristinare una funzionalità sportiva, di riportare il decoro, di ridare un’anima a questo luogo. Penso che sia possibile. Lo vedo già realizzato. Sono convinto che nell’arco di un anno, forse anche qualcosa di meno, qui riprenderà la vita sportiva con tante attività. Non ci si può permettere mai – ha detto il ministro riferendosi all’area vista a Taranto – che un’opportunità come questa diventi un luogo del disagio e dell’abbandono”.

https://www.rainews.it/tgr/puglia/articoli/2024/06/abodi-al-magna-grecia-stop-al-degrado-per-i-giochi-seguire-il-modello-caivano-8dbdef3f-96b8-4e43-9251-4c2ead0d8c50.html